• A
  • bg12
  • bg16
  • bg18
  • bg21
  • bg22
  • bg23
  • bg24
  • C
  • D
  • E
  • F
  • G
  • H
  • I
  • K
  • N
  • O
  • P
  • Q
  • R
  • S
  • U
  • V

Mulini - Frantoi - Palmenti

E' sempre per noi una grande soddisfazione e, scusate, anche un grande orgoglio, presentare il nuovo programma, Mulini, Frantoi e Palmenti; anche quest'anno, sul solco tracciato negli anni precedenti esso rappresenta qualcosa di unico che da sempre ci identifica e contraddistingue.

Ci teniamo moltissimo a far sì che un'interessante escursione venga ricordata dai partecipanti, non soltanto per la bellezza dei luoghi, o le caratteristiche tecniche che presenta, ma soprattutto per la coesione e l'amicizia che rappresentano le peculiarità della nostra Associazione, in virtù delle quali, nel corso degli anni, si è incrementato notevolmente il numero degli appassionati che ci seguono.

ProgrammaNella nostra continua ricerca di nuovi percorsi da offrire agli appassionati di escursionismo, siamo riusciti anche quest'anno a predisporre un programma che si adatti alle diverse categorie di partecipanti; vi sono infatti itinerari molto facili, con sentieri tranquilli e panoramici e percorsi che richiedono invece una buona preparazione tecnica ed un ottimo allenamento.

Abbiamo cercato di privilegiare i percorsi “ad anello”, evitando il più possibile di percorrere lo stesso sentiero al ritorno, al fine di consentire una maggiore conoscenza dei luoghi; abbiamo spaziato su un vasto raggio nel Parco Nazionale dell'Aspromonte. Ogni nostro itinerario è frutto di uno studio accurato volto ad inserire in ogni percorso diversi elementi di interesse, al fine di raggiungere un corretto equilibrio tra paesaggio, beni naturalistici e beni culturali.

L'idea che quest'anno i nostri percorsi tematici siano incentrati su Pane, Olio e Vino (Mulini, Frantoi e Palmenti) è un segno evidente del continuo “crescere” della nostra Associazione. L'escursionista, come per magia, si ritroverà in un mondo ormai perduto in cui l'agricoltura aveva un peso maggiore di quello odierno. Le famiglie coltivavano in proprio le verdure e la frutta di cui necessitavano, così come l'uva, le olive e soprattutto il grano, per avere ognuno il proprio vino, olio e farina. I terrazzamenti, che ancora si intravedono lungo i percorsi, indicano un intenso sfruttamento di ogni piccolo angolo di terreno, anche impervio.

I raccolti venivano lavorati in edifici e strutture di cui oggi, lungo i nostri sentieri, rimangono importanti testimonianze;mulino fabbriche di ingegno contadino aventi come denominatore comune la pietra, trasformata da mani sapienti in macine, molazze o vasche, a seconda della diversa destinazione d'uso, i cui prodotti, Pane, Olio e Vino sono stati, nel corso dei secoli, gli “ingredienti” fondamentali di ogni civiltà; “segni” di un antico passato, tracce di una vita agricola intensa, che emanano fascino e seduzione e che inducono l'escursionista a riflettere sui valori, le fatiche e le gioie semplici e genuine che animavano la civiltà contadina di un tempo.

Negli ultimi anni vi e la convinzione che la crescita dell'Associazione possa aver fatto apprezzare la montagna, magari in modo diverso, in ogni stagione della vita. Mi piace associare questo concetto all'affermazione di Marcel Proust, il quale disse che “ il vero viaggio di scoperta non consiste nel conquistare nuove terre ma nell'avere nuovi occhi “; l'invito che ne consegue è di allargare sempre i propri orizzonti per lasciarsi stupire giorno dopo giorno dalle meraviglie della montagna.

mappaCi tengo a sottolineare come l'escursionismo debba essere inteso come uno sport che ha il privilegio di abbinare cultura e movimento, come attività non competitiva che, attraverso il contatto con la natura e la cultura dei luoghi, la conoscenza diretta e concreta sul campo, consente agli appassionati di ritrovare il benessere interiore e di attivare un rinnovato impegno nella tutela del territorio.

Totò Pellegrino