I luoghi della memoria - Le storie, le persone, i sentieri

Escursione del 31 Maggio: dalla Fossiata a Macchialonga

Difficoltà: T - Tempi: 5 ore (andata e ritorno)

Segnaletica: sentiero del Parco Nazionale della Calabria (da fare in senso contrario)

Acqua potabile: fontana nell’aria di pic-nic della Fossiata.

Come arrivarci: dalla SS 106 jonica deviare per Rossano, superare l’abitato in pianura e dirigersi verso il centro storico. Qui prendere la strada per la Sila (SS 177) e seguire sempre nella direzione di Camigliatello. Dopo Cava di Melis prendere la direzione della Fossiata e, una volta sul posto andare in fondo al rettilineo fino a quando sulla destra inizia una strada a fondo naturale.

Descrizione del percorso: la strada a fondo naturale porta verso l’interno della foresta, arrivati all’area di pic-nic centrale della Fossiata imboccare la strabella dopo la sbarra e il divieto d’accesso. Seguire la stradella fino ad arrivare all’altopiano di Macchialonga e, poco dopo, al piccolo laghetto artificiale.
I rifugi per i pastori, costruiti in muratura che si incontrano nell’ultimo tratto del sentiero e accanto al lago, sono ormai in pessime condizioni.

Escursione del 1 giugno: Zagaria-Cozzo del Pesco (i Giganti della Sila)

Difficoltà : T - Tempi: 5 ore (andata e ritorno)

Segnaletica: cartelli dell’oasi W.W.F.

Acqua potabile: fontane lungo il percorso  di avvicinamento in auto

Come arrivarci: dalla ss 106 jonica deviare per Rossano, superare l’abitato in pianura e dirigersi verso il centro storico. Qui prendere la strada per la Sila (ss177); dopo qualche km. Troviamo l’abitato di contrada Maviglia, superare detta contradae si prosegue. Continuando arriviamo alla contrada di Piana dei Venti, proseguiamo e dopo circa 1 km imboccare la stradina asfaltata sulla destra che porta in contrada Zagaria. Proseguendo per altri 2 km circa, si giunge ad uno spiazzo, dove si possono lasciare le auto.

Descrizione del Percorso: in prossimità dello spiazzo, si trovano i resti di un cancello in legno, da qui parte il sentiero, che attraversando una parte della foresta Rossanese denominata Arcodero, giunge in località Piano del Sorbo, da dove facilmente si raggiungono i Giganti di Cozzo del Pesco, percorso con segnaletica WWF.

Nel corso del tempo

  • 1996
  • 1997
  • 1998
  • 1999
  • 2000
  • 2001
  • 2002
  • 2003
  • 2004
  • 2005
  • 2006
  • 2007
  • 2008
  • 2009
  • 2010
  • 2011
  • 2012
  • 2013
  • 2014
  • 2015
  • 2016
  • 2017
  • 2018
  • 2019
  • sld_1
  • sld_2
  • sld_3
  • sld_4
  • sld_5
  • sld_6
  • sld_7
  • sld_8
  • sld_9
  • sld_10

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy

Chiudendo questo banner o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.