header esc

19 Novembre 2017

DAL PROGRAMMA ESCURSIONI 2017

"I QUATTRO ELEMENTI DELLA NATURA"

La Giornata dell'Amicizia

 

Tra Passo Salice e passo Scaluni 

 

Itinerario Naturalistico Panoramico Storico ad Anello

  

1° RADUNO: ore 9.15 presso il Centro Commerciale di Bovalino Bivio per San Luca

2° RADUNO: ore 10.15 presso Serro Cropanelli

PARTENZA ESCURSIONE: ore 10.30

DIFFICOLTA': E - Escursionistico  -  TEMPO: Ore 4.30  -  RIFORNIMENTO ACQUA: --

DISLIVELLO: 1320 mt s.l.m. - 1490 mt s.l.m.

COMUNI INTERESSATI: San Luca - Careri           Località: Serro Cropanelli

L'iscrizione alle escursioni tramite il link presente in questa pagina è riservata esclusivamente ai soci e deve essere effettuata entro le ore 24 del venerdì antecedente. I simpatizzanti e coloro che ancora non sono iscritti all'associazione (ospiti) non possono partecipare alle escursioni di tipologia E.E. (Escursionisti esperti). Per tutte le altre tipologia di escursioni si deve esibire la dichiarazione liberatoria. Per ogni ulteriore informazione, si prega di contattare il Direttivo oppure inviare una e-mail all'indirizzo Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

COSA BISOGNA SAPERE: La Giornata dell'Amicizia è un'iniziativa promossa in occasione della presentazione del Programma Escursionistico 2017 "I Quattro Elementi della Natura", d'intesa con le Associazioni escursionistiche CAI Sezione Aspromonte e GEA Gruppo Escursionisti d'Aspromonte, e alla presenza del Presidente della FIE Federazione Italiana Escursionismo e dei rappresentanti del Parco Nazionale dell'Aspromonte. Un evento che darà la possibilità agli amanti della natura e del nostro territorio che hanno aderito ad una delle associazioni della provincia di Reggio Calabria, di camminare insieme, di conoscersi e confrontarsi, all'insegna del buon umore e dello spirito di condivisione che anima i soci di Gente in Aspromonte e delle altre associazioni partecipanti. Un evento di notevole importanza nell'ottica della consapevolezza che la pluralità di soggetti  che operano nella stessa direzione mossi dai medesimi principi non può essere che un valore aggiunto per il superamento delle tante difficoltà che segnano il nostro territorio.

Un viaggio nel cuore gentile del rude Aspromonte. Un percorso che, per una buona metà, metterà l'escursionista a diretto contatto con la vastità delle vallate aspromontane comprese fra le propaggini tormentate che contengono M. Scorda con il sottostante Serro Scaluni; inizia dal “Salice”, luogo in cui aria e terra, più che incontrarsi, si scontrano; si avrà solo l'imbarazzo della scelta se ammirare le propaggini sub-appenniniche degradanti verso il mare, con i loro monumenti naturali come il massiccio di Pietra Castello e la magica Pietra Cappa, i paesi della fascia costiera o la magica linea dell'orizzonte marino.

 

DESCRIZIONE SENTIERO

Un suggestivo itinerario ad anello che ci permetterà di ammirare lo splendore di questo angolo del Parco Nazionale dell’Aspromonte, compreso tra i comuni di San Luca, Santa Cristina D’Aspromonte, Plati e Careri

         L’autunno è una stagione meravigliosa per l’escursione, si tratta probabilmente del periodo migliore per camminare. I sentieri sono meno affollati, la fauna selvatica si lascia osservare con più tranquillità e, aspetto ancora più importante, i colori da ammirare; le foreste ed i boschi in questa stagione iniziano ad assumere delle colorazioni incredibili, suggestive ed uniche.

         La temperatura è ideale, al mattino l’aria è frizzante ma, con il procedere della giornata, il sole scalda le ossa e i muscoli rendendo sempre più piacevole camminare nei boschi o in montagna.

         Si parte dal Pianoro di Cropanelli e si effettua poi una breve deviazione verso il serro Cropanelli che offre un panorama incantevole sulle vette circostanti.

         Ci si immette sulla sterrata che scende verso la fontana del Salice, si prosegue verso il vallone dei Fossi, da dove poi si sale, per un centinaio di metri, sino al Rifugio dei Fossi. A questo punto, dopo aver ammirato estasiati l’ampio panorama, non resta che ripercorrere a ritroso il percorso fatto.

         Si riprende la pista forestale che sale dolcemente tra boschi misti, fino a giungere, dopo qualche minuto, alla sorgente dei Fossi; da qui si prosegue a mezza costa lungo il Serro Guttia e, dopo pochi minuti, si giunge sulla strada asfaltata che viene percorsa per qualche metro in discesa, fino ad arrivare all’incrocio du Zappunusu.

         Si segue quindi per un tratto il sentiero Italia che, in lieve salita, porta a Monte Scorda e, dopo pochi minuti, ci si immette sul sentiero che poi procede sulla pista tra faggi e giovani abeti e, tralasciando i bivi secondari, dopo circa dieci minuti di cammino, si giunge sulla bella ed ampia cima di Monte Scorda, rinomata per lo spettacoloso panorama sulla parte tirrenica che consente di godere, spaziando con lo sguardo da Sant’Elia di Palmi sino a Capo Vaticano.

       Fuori dal bosco, si apre il consueto ma appagante scenario, adesso punteggiato dal giallo e dal marrone dell'autunno.

       Si prosegue sul crinale e, scendendo verso Monte Misafumera, quota 1390 s.l.m, si attraversa un paesaggio caratteristico per l’alternarsi di fitte faggete ed ampie radure, dalle quali si possono intravedere ora un versante ora l’altro.      

       Seguendo sempre la carrera, ed immersi ancora in una fitta faggeta, si giunge a monte “u scaluni”, chiamato così per la sua particolare forma a scala.

        Giunti nella parte alta del serro “u scaluni”, ci si immette sul sentiero del Cammino Alleanza e, dopo circa 10 minuti, si giunge sulla carrera di Misafumera. Superato il bivio di Trinbuno, si scende verso il versante Ionio e, dopo pochi minuti, si arriva al piano dell’Area di Minuzza; si prosegue a mezza costa attraverso una fitta vegetazione, che farà assaporare la bellezza dei colori di una natura incontaminata, armonizzata dal rigoglio dei vari ruscelli da attraversare.

      Superato il vallone di Bernando, ci si immette sulla vecchia mulattiera che attraversa tutto il costone per condurre, in pochi minuti, all’aria dell’acqua del Fagu, da qui, dopo pochi minuti ancora di cammino, si giunge al rifugio dell’Acqua del Faggio; si prosegue sulla sterrata fino ad arrivare, dopo circa 10 minuti, al punto di partenza.

Iscrizione

L'iscrizione alle escursioni tramite il link presente in questa pagina è riservata esclusivamente ai soci e deve essere effettuata entro le ore 24 del venerdì antecedente.

 

 

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy

Chiudendo questo banner o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.