header esc

7 Giugno 2015

DAL PROGRAMMA ESCURSIONI 2015

"MULINI - FRANTOI - PALMENTI"

IL MULINO DEL DUCA

ITINERARIO NATURALISTICO - PANORAMICO IN LINEA

Un fantastico itinerario in linea che, dal Santuario di San Bartolomeo, in un ambiente naturale ricco di fitti boschi di faggi e castagni, di sorgenti che spuntano all'improvviso, ci porta a seguire un tratto del torrente Sant'Elia, la cui acqua un tempo azionava gli antichi mulini dei quali ne rimane uno solo, il più antico, il mulino denominato Del Duca, ancora oggi in funzione. Sotto i nostri occhi, i chicchi di grano vengono trasformati in fragrante farina. Sembra quasi un miracolo: due grandi pietre circolari, pochi congegni in legno, la forza dell'acqua che le fa ruotare, la dedizione del mugnaio e il passato rivive in tutta la sua suggestione.

RADUNO: ore 9.30 al Santuario di S.Bartolomeo

PARTENZA ESCURSIONE: ore 10.00

DIFFICOLTA': E - Escursionistico

COMUNI INTERESSATI: Giffone

mappaTEMPO: Ore 5.30

DISLIVELLO: 1010 slm - 620 slm

Mappa

L'iscrizione alle escursioni tramite il link presente in questa pagina è riservata esclusivamente ai soci e deve essere effettuata entro le ore 24 del venerdì antecedente. I simpatizzanti e coloro che ancora non sono iscritti all'associazione (ospiti) non possono partecipare alle escursioni di tipologia E.E. (Escursionisti esperti). Per tutte le altre tipologia di escursioni si deve esibire la dichiarazione liberatoria. Per ogni ulteriore informazione, si prega di contattare il Direttivo oppure inviare una e-mail all'indirizzo Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

COSA BISOGNA SAPERE

Santuario di San Bartolomeo

La Chiesa fu progettata e realizzata nell’area “Contura”, edificata e fortemente voluta dal Comitato festa del tempo sotto le direttive dell’allora Parroco Sac. Antonio Ritorto e dalla comunità di Giffone per onorare il loro Santo protettore. Nelle vicinanze del Santuario venne anche costruita una fontana ”Fontana di Lu Mustazzolaru” oggi “Fonte San Bartolomeo”, allo scopo di prelevare l’acqua da utilizzare per la costruzione del Santuario, sosta necessaria per chi si trova in questa in questa località, a respirare aria salubre e sostare sotto i fitti boschi, punto di ritrovo anche per la gente dei paesi limitrofi. Al suo interno si ammira il mosaico raffigurante la scorticazione di S. Bartolomeo. Chi arriva in questa località sembra essere trasportato in un’altra dimensione, dove regnano la quiete e la frescura del posto; si passeggia tra i piccoli sentieri naturali per raccogliere fragole, asparagi, funghi, ammirando i fitti boschi e le sorgenti d’acqua che spuntando all’improvviso e con il loro suono accompagnano il silenzio di questo posto meraviglioso di cui i giffonesi sono molto orgogliosi.


 DESCRIZIONE SENTIERO

Per motivi organizzativi l’escursione di Gallico viene posticipata a domenica 21 mentre l’escursione di Giffone viene anticipata a domenica 7 Giugno.

Peculiare è il suo ambiente naturale, arricchito da fitti boschi di faggi e castagni, dove, tra piccole sorgenti, sentieri, dirupi, lo spazio si apre dando piacevoli e affascinanti prospettive, regalando all’occhio panorami unici, in particolare nella località Contura.E ancora, valli con ruscelli incontaminati lungo i quali crescono stretti boschi ripariali ad ontani, salici e carpini neri; alcune torbiere e prati acquitrinosi che ospitano piante tipiche degli ambienti umidi. E’ un percorso in linea che parte dall’Eremo di San Bartolomeo circa 1000 metri e scende a Giffone 600 metri.

Dopo aver fatto rifornimento alla fonte di San Bartolomeo, si sale per un centinaio di metri fino a giungere all’Eremo di San Bartolomeo (Monte Contura), breve visita al Santuario; si prosegue poi sulla sterrata e, dopo circa 2 km di sterrata pianeggiante, si arriva in contrada Don Litterio, il cui nome deriva da un vecchio Prete.

Si lascia la sterrata principale e ci si immette su una pista a destra che sale dolcemente, fino a giungere, dopo pochi minuti, al bosco di Verdaglio; ancora pochi minuti tra secolari piante di faggio e si è alle fosse della neve (dove  in inverno veniva accumulata la neve, per essere portata poi dai Giffonesi nei paesi vicini).

Una volta giunti sulla strada asfaltata che collega la Limina con i Paesi delle Serre, si effettua una breve visita ai carbonai, e si riprende poi il sentiero fino a giungere, dopo un centinaio di metri, alla Casermetta di monte Agromodio; si prosegue in lieve discesa e, dopo 15 minuti, si giunge al Serro di Grampetto; si lascia la faggeta e, seguendo una fila di abete bianco, dopo pochi minuti si raggiunge il timpone Muzzu.

Dal timpone in avanti il sentiero incomincia a scendere, bisogna essere molto accorti lungo il cammino; dopo qualche breve tornate ci si immette sul sentiero che, con successiva marcata discesa, conduce alla strada forestale che, dopo pochi minuti, ci porta ai piani di Gili, dove si alterna il bosco di faggio al castagno.

Giunti in contrada Comunia, si prosegue a sinistra verso contrada l’Acero, dopo pochi minuti si giuge al vallone l’Acero, da dove ci si immette sulla vecchia ferrata che portava alle Serre, chiamata “Dencoville”.

Lasciato alle spalle il vallone dell’Acero, si prosegue sulla ferrata, e, dopo un tratto a cielo aperto, si arriva al vallone Grillo; percorsi un centinaio di metri, si svolta a sinistra e, costeggiando il torrente, dopo pochi minuti si giunge all’Antico mulino del Duca del 1709, ancora in funzione, situato lungo il fiume Alia in prossimità della zona denominata Cabusina, breve visita al mulino.

Si prosegue sulla strada in cemento e, dopo 10 minuti, si giunge a Giffone. 

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy

Chiudendo questo banner o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.